Crea sito

Oumuamua, l’asteroide proveniente dall’universo

1 minuto/i di lettura

E’ stato chiamato Oumuamua il primo asteroide interstellare che viene a farci visita nel sistema solare. La sua forma è allungata, ha un colore rossastro ed è lungo circa 800 metri. La scoperta, descritta e pubblicata su “Nature”, proviene da un gruppo di astronomi dell’ Institute for Astronomy di Honolulu, dell’ESO e dell’ESA fra i quali figura il nostro Marco Micheli.

Dei circa 750.000 asteroidi e comete conosciuti, si pensa che nessuno di essi abbia avuto origine al di fuori del nostro Sistema Solare, anche se i modelli di formazione, suggeriscono che la migrazione orbitale dei pianeti giganti ha espulso una gran parte dei pianeti più piccoli nello spazio interstellare. Effettivamente, gli astronomi stimano che ogni anno, un asteroide interstellare simile a Oumuamua, attraversi il sistema solare, ma poiché sono deboli e difficili da rilevare, finora non erano mai stati identificati.

Le osservazioni, rivelano che l’oggetto è asteroidale, senza accenno all’attività cometaria nonostante un’orbita abbastanza vicina al Sole. Per quanto riguarda le misurazioni spettroscopiche, invece, mostrano che la superficie dell’oggetto è identificabile come quella di una cometa o di un asteroide poiché organicamente ricca come quelle trovate nel nostro Sistema Solare.

La presenza di Oumuamua suggerisce che le stime precedenti della densità degli oggetti interstellari erano pessimisticamente molto basse. I prossimi aggiornamenti, dunque, ottenuti mediante gli attuali strumenti di indagine e migliori tecniche di elaborazione dei dati produrranno, molto probabilmente, l’avvistamento di molti più oggetti interstellari che ci permetteranno di conoscere l’attività dell’universo più nel dettaglio.

 

Pin It on Pinterest