Crea sito

Creata la finestra intelligente: si oscura e produce energia elettrica

2 minuto/i di lettura

Il National Renewable Energy Laboratory (NREL) ha presentato al pubblico un prototipo di finestra intelligente che potrebbe ridurre i consumi di energia elettrica all’interno di qualsiasi tipo di fabbricato. Basandosi su materiali avanzati, la nuova tecnologia risponde al calore trasformandosi da trasparente a opaca generando elettricità.

Il suo funzionamento, avviene in base all’energia solare. Quando il sole riscalda il dispositivo infatti, le molecole di cui è costituito, che vengono assorbite in modo reversibile nel dispositivo, vengono espulse oscurando il dispositivo. Quando il sole non è presente invece, il dispositivo si raffredda, le molecole si riassorbono e la finestra riappare nuovamente trasparente.

I prototipi dimostrativi, ossia pannelli da 1 centimetro quadrato, hanno prodotto un limite massimo di efficienza pari all’11,3%, con una media che si è attestata intorno al 10%. Il problema più grande di questa tecnologia ancora in fase di sperimentazione, sta nel fatto che le prestazioni fotovoltaiche calano molto dopo i primi cicli “trasparente-opaco” a causa della degradazione dei materiali di cui è composta. Ovviamente, questo è anche la parte sulla quale i ricercatori si stanno concentrando.

Leggi anche: Un nuovo studio afferma che è possibile generare ossigeno e carburante dalla CO2.

Bisogna dire inoltre, che le tecnologie esistenti della finestra solare sono statiche, ossia sono progettate per sfruttare una frazione della luce solare senza sacrificare la trasmissione della luce visibile che risulta esser necessaria per la visualizzazione o il comfort degli occupanti dell’edificio. Come dichiarato da Lance Wheeler, scienziato del NREL:

Esiste un compromesso fondamentale tra una buona finestra e una buona cella solare. Questa tecnologia lo scavalca. Abbiamo una buona cella solare quando c’è un sacco di sole e abbiamo una buona finestra quando non ce n’è. Sono presenti tecnologie termocromiche nel modo, ma nulla che converta effettivamente l’energia solare in energia elettrica.
Il percorso verso la commercializzazione della tecnologia, è stato praticato lo scorso anno durante un programma chiamato Energy I-Corps che ha avuto la durata di due mesi. Wheeler ha anche detto che la tecnologia potrebbe essere integrata in veicoli, edifici e oltre in quanto l’elettricità generata dalla finestra potrebbe caricare le batterie per alimentare gli smartphone o l’elettronica di bordo come ventole, sensori di pioggia e motori che potrebbero aprire o chiudere le finestre.

Pin It on Pinterest